Elettroformatura con rame

 

L'elettroformatura con rame per una maggiore conducibilità elettrica

Grazie alla sua eccellente conducibilità elettrica, il rame trova applicazioni nel processo di elettroformatura per la realizzazione di guide d’onda di forma complessa, difficilmente realizzabili meccanicamente.

Il processo si basa sul principio di depositare elettroliticamente uno strato di rame puro su una sagoma (mandrino), normalmente in alluminio, che riproduce fedelmente la forma interna dell’oggetto da ottenere: lo spessore può essere dell’ordine di 1-3mm circa. Al termine il mandrino viene disciolto con apposita soluzione e l’oggetto ottenuto, tutto in rame, viene finito meccanicamente sull’esterno e può essere assiemato con altre parti (es. flange), ed essere sottoposto a un trattamento galvanico protettivo, tipo stagno, argento, oro…

Il processo permette di ottenere strati funzionali, tipo oro, con spessori controllati e garantiti nelle parti interne delle guide d’onda senza ricorrere all’applicazione di elettrodi (anodi) supplementari: infatti la doratura può essere applicata direttamente sul mandrino in alluminio prima di procedere con la ramatura a spessore.

  Guida d'onda doppia: tratti in G.O. ottenuti da elettroformatura in rame con doratura interna, assiemati con flange in ottone mediante brasatura; trattamento finale di stagnatura su superficie esterna

Guida d'onda doppia: tratti in G.O. ottenuti da elettroformatura
in rame con doratura interna, assiemati con flange in ottone
mediante brasatura; trattamento finale di stagnatura su
superficie esterna

Particolare ricavato da elettroformatura in rame, pronto per successiva doratura - Applicazione settore difesa

Particolare ricavato da elettroformatura in rame, pronto per successiva doratura - Applicazione settore difesa